Volumio, il miglior audio player per Raspberry PI

Raspberry guide - Miniatura della rubrica di marcogarosi.it
Raspberry guide - Miniatura della rubrica di marcogarosi.it

Raspberry PI è un single-board computer – ovvero una scheda che implementa interamente un computer – tra i più famosi al mondo: la sua versatilità, la sua potenza di calcolo e la sua semplicità ne hanno decretato la grande diffusione. Uno degli aspetti che lo rende così interessante è la vasta scelta di sistemi operativi: c’è una miriade di distro Linux pronte all’uso.

Non esiste un’unica versione di Linux, ma esistono diverse distribuzioni (chiamate anche distro), solitamente create da comunità di sviluppatori (community) o società, che scelgono, preparano e compilano i pacchetti da includere. Tutte le distribuzioni sono sviluppate in maniera indipendente a partire dal kernel Linux comune (sia pur in versioni diverse e spesso personalizzate), e si differenziano tra loro per il cosiddetto “parco software“, cioè i pacchetti preparati e selezionati dagli sviluppatori per la distribuzione stessa, per il sistema di gestione del software, i repository e per i servizi di assistenza e manutenzione offerti.

Wikipedia

Schermata principale di Volumio

Cos’è Volumio?

Volumio è proprio una di queste distro e mette a disposizione un pacchetto davvero interessante per tutti gli amanti della musica – e non solo. Una volta installato il sistema operativo – e terminata la breve configurazione – ci troviamo davanti un capolavoro pronto all’uso.

Cosa offre?

Volumio è rivolto a coloro che vogliono trasformare il proprio Raspberry in un media center audio. Dopo aver fatto questa doverosa premessa, ti mostro le sue caratteristiche principali:

Interfaccia utente

L’interfaccia utente è veramente semplice da utilizzare e minimale: a nostra disposizione c’è una Web-app – un’applicazione che gira sul Raspberry. Noi dobbiamo soltanto collegarci tramite il browser del nostro smartphone, tablet o computer e potremo sfruttarne tutte le potenzialità.

La GUI (Graphics User Interface) è suddivisa in tre parti:

  • la zona a sinistra mostra, con un indicatore circolare, la traccia in riproduzione al momento;
  • la parte a destra mostra, con un indicatore circolare, il volume della traccia in riproduzione al momento;
  • l’area in basso ci permette di spostarci tra le diverse sezioni: il browser dei contenuti, la pagina principale e la coda di riproduzione.

Browse [Sfoglia]

Si tratta della schermata che ti dà la possibilità di navigare tra le cartelle per trovare il brano che vuoi ascoltare: stai cercando la musica degli ACDC? Devi solo effettuare una ricerca per artista. Vuoi ascoltare un po’ di musica classica? Cerca per genere!

Schermata Browse di Volume

Non solo: ciò che rende Volumio speciale è la possibilità di interfacciarsi con la tua rete locale. Per esempio, se hai un NAS (Network Attached Storage) puoi riprodurre i contenuti che vi hai caricato, senza bisogno di scaricarli sul tuo PC e caricarli su Raspberry: il software sfrutta lo streaming.

Non sei ancora convinto? Allora sappi che installando questa distro potrai persino seguire le Web Radio. Cosa significa? Vuol dire che se la tua stazione radio preferita è disponibile anche via Internet, la puoi ascoltare attraverso la tua connessione alla più grande rete mondiale. E con una qualità eccellente. Inoltre, al primo avvio trovi già pre-caricate numerose emittenti: con un click starai già streammando.

Non ti basta nemmeno questo? Hai perfettamente ragione a chiedere di più a questo ottimo sistema. Installando un plugin – tramite lo store interno – potrai persino riprodurre i contenuti di YouTube: accedendo con il tuo account Google potrai cercare e ascoltare musica con molta semplicità. Tramite un altro plugin, invece, puoi connetterti al tuo account Spotify.

E, se volessi altre features, sappi che se hai un dispositivo Apple compatibile con AirPlay ti ci puoi connettere per inviare al tuo impianto stereo l’audio del tuo iPhone, iPad o Mac.

Queue [Coda]

La terza schermata, invece, ti mostra la coda di riproduzione: significa che puoi impostare un’intera playlist e che Volumio, una dopo l’altra, ti farà ascoltare tutte le canzoni che vi hai inserito. Anche da fonti diverse: puoi aggiungere alcune dal tuo media-server, alcune da YouTube, alcune da Spotify. Interessante, eh?!

Plugin

Una delle caratteristiche più interessanti di questo pacchetto è il supporto a plugin (sia sviluppati internamente che di terze parti): ciò significa, sostanzialmente, che puoi espanderne le caratteristiche con un minimo sforzo. Per esempio, se decidessi di integrare un pannello touch-screen, potresti farlo con un click. Se volessi integrare dei pulsanti fisici per cambiare traccia, dovresti solo cliccare con il mouse su “Installa”.

Schermata Plugin di Volumio

Grazie a IFTTT, ad Arduino e un po’ di creatività puoi persino creare un controllo vocale per gestire tutto senza il bisogno di accedere all’interfaccia Web.

Altre funzioni

Per concludere, ci sono alcune funzioni – attivabili dal menù laterale – che servono per impostare sveglie personalizzate, orari in cui si deve spengere e in cui si deve accendere.

Se poi volessi personalizzare lo sfondo, potresti fare anche quello! Puoi scegliere tra le immagini pre-caricate, ma – se preferisci – puoi impostarne uno tutto tuo!

Consumi

Installando Volumio su un Raspberry Pi 3 Model B – come ho fatto io – il consumo è davvero basso: circa 2/3 Watt. Se usassi Raspberry per alimentare anche l’impianto audio (tramite una delle quattro porte USB), raggiungeresti consumi leggermente più alti, ma tutto dipende dall’energia richiesta da ciò che decidi di collegare. Tuttavia, misurando l’assorbimento della sola scheda, si registrano valori molto interessanti.

Conclusione

Insomma, Raspberry è un computer fenomenale e, se sei un audiofilo – o se semplicemente ti piace ascoltare musica – Volumio fa al caso tuo: trasforma il single-board computer in un potente e versatile centro multimediale, senza tralasciare i dettagli. È altamente personalizzabile, è gestibile da ogni dispositivo dotato di un moderno browser Web e ti permette di dare nuova vita a vecchi impianti audio. È gratuito e per provarlo serve solo una manciata di minuti, quindi… perché non dargli una chance?

Marco Garosi 91 Articoli
Sono un informatico, appassionato di programmazione e progettazione di sistemi.