Come installare una distro su Raspberry

Raspberry guide - Miniatura della rubrica di marcogarosi.it

Raspberry è una famiglia di single-board computer che strizza l’occhio ai maker: l’aspetto che permette loro di essere così versatili è la possibilità di installare una miriade di distro (distribuzioni di Linux) diverse. Come si fa? Di quali strumenti hai bisogno? Ti spiego tutto in questa guida.

La scelta del Sistema Operativo (OS)

Innanzitutto, è necessario scegliere quale sistema operativo installare: ce ne sono davvero tanti. Potresti optare per il classico – ma affidabile – Raspbian OS, molto simile ad Ubuntu ma adattato al piccolo computer; oppure, se volessi creare un centro multimediale, potresti dirigerti verso Volumio; altrimenti, potresti persino creare un emulatore di retro-console.

Come puoi ben intuire, nell’universo di Raspberry è fondamentale saper installare il sistema operativo, per rendere la tua scheda la macchina perfetta per le tue esigenze. Il primo passo da compiere, quindi, è scaricare il sistema operativo.

Come installare il sistema operativo

Dopo aver completato il download dell’immagine della distro che hai scelto, devi installarla. Come? In un modo molto semplice, con un tool tanto facile da usare quanto efficace: sto parlando di Etcher.

Cos’è Etcher?

È un software – disponibile per pressoché tutte le piattaforme più famose – che ti guida in questa “comoda” procedura, chiedendoti soltanto una manciata di click.

Schermata principale di Etcher

Come puoi notare dall’immagine, il tuo indice dovrà premere il pulsante sinistro del mouse solo cinque volte: l’interfaccia grafica che Etcher ti mette a disposizione è semplice e minimale, accompagnata da icone e brevi descrizioni che completano il pacchetto.

In un batter d’occhio, quindi, puoi eseguire il flash – ovvero l’installazione – dell’immagine del sistema operativo sulla Micro-SD che inserirai nello slot di Raspberry.

Come si scarica?

Scaricare Etcher è un operazione molto semplice: devi collegarti al sito ufficiale e cliccare sul grande pulsante blu al centro dello schermo – e il download verrà avviato automaticamente. Non devi preoccuparti della versione: ti verrà proposta – in automatico – quella adatta al computer dal quale stai visitando la pagina. Se, per qualsiasi ragione, volessi scaricare una versione diversa – magari perché lo vuoi installare su una macchina Linux, ma al momento hai a disposizione solo un PC Windows – puoi scorrere verso il basso per scegliere l’adattamento che preferisci.

Come si installa il sistema operativo?

Probabilmente sei abituato a dover seguire una lunga procedura d’installazione prima di poter utilizzare il tuo computer: solitamente è necessario formattare il disco, preparare eventuali partizioni, configurare il sistema.

Con Raspberry il sistema è diverso e molto più facile e immediato. Una volta avviato Etcher, devi collegare la tua Micro SD al PC: puoi usare un adattatore USB o uno SD, se disponi dello slot dedicato.

A questo punto, premendo sul pulsante blu “Select image”, devi selezionare – tramite il file explorer – l’immagine del sistema operativo che vuoi installare: solitamente è in formato ISO, ma Etcher accetta anche file IMG, ZIP, BIN, DMG e molti altri.

Ti chiede, quindi, di scegliere il supporto d’archiviazione: cliccando sul bottone “Select drive” (ora blu) puoi indicare la Micro SD. Attenzione, però! Verrà formattata, quindi tutti i dati al suo interno verranno cancellati per sempre! Accertati che non contenga informazioni importanti ed effettua un backup.

Hai quasi terminato: per procedere alla vera e propria installazione, devi cliccare sul tasto “Flash!”, che completerà l’operazione. Non solo: prima di permetterti di smontare la Micro SD – ovvero di scollegarla – eseguirà la cosiddetta validazione, controllando che i file siano integri e utilizzabili.

E poi?

Non devi fare altro che estrarre la Micro SD e inserirla nello slot dedicato sul tuo Raspberry. Fornendogli alimentazione si avvierà e, in automatico, caricherà il sistema operativo dal supporto d’archiviazione. Se necessario, ricordati di collegare monitor e tastiera per completare un’eventuale configurazione: potrebbe essere richiesta la creazione di un utente o la gestione della connessione Wi-Fi.

Conclusione

Come hai potuto sperimentare tu stesso, installare un sistema operativo su Raspberry è davvero molto semplice e veloce e – aspetto ancor più importante – non richiede particolari conoscenze tecniche. Ecco perché questo single-board computer è tanto diffuso: perché è adatto sia agli esperti che ai neofiti. Ora che hai imparato la procedura, non ti resta che provare tutte le distro, fino a trovare quella adatta alle tue esigenze. Sei pronto?