Harry Potter e la Pietra Filosofale: 10 differenze tra il libro e il film

Harry Potter

Harry Potter e la Pietra filosofale è il primo libro della tanto amata saga di Harry Potter. Il suo strepitoso successo è dovuto, tra le altre cose, alla realizzazione della trasposizione cinematografica, che l’ha portato sul grande schermo.

Nessuna trasposizione cinematografica di un libro è perfetta: raccontare gli avvenimenti narrati in un intero volume in un tempo massimo di due ore e mezza è una vera impresa. Lavorare a stretto contato con l’autore del testo è certamente un grande aiuto: J. K. Rowling, infatti, ha collaborato attivamente in tutto il processo di realizzazione del primo film della saga.

Ciononostante, il regista ha dovuto prendere delle decisioni – marginali e non. Adattare un libro non è un compito facile, soprattutto se è un libro di Harry Potter, così ricco di dettagli e personaggi. Proprio per questo motivo, il film “Harry Potter e la Pietra Filosofale” presenta alcune differenze dal libro da cui è stato tratto. Ora, però, non perdiamoci in ulteriori chiacchiere: ecco le dieci differenze tra il libro e il film “Harry Potter e la Pietra Filosofale”.

Foto di Christian Wagner - Unsplash
Foto di Christian Wagner – Unsplash

#1 Il compleanno di Dudley

All’interno del libro è narrato, lungo diverse pagine, il compleanno di Dudley Dursley, il cugino di Harry. Nell’opera scritta, infatti, vengono raccontati numerosi dettagli: Harry sarebbe dovuto andare a stare dalla signora Figg, che però non l’ha potuto ospitare perché si è rotta un braccio; Dudley si arrabbia perché ha ricevuto ben due regali in meno rispetto all’anno precedente; la famiglia si reca allo zoo con Harry e l’amico di Dudley, Piers Polkiss.

Questo avvenimento, nel film, è raccontato più brevemente: l’ellissi narrativa fa sì che vengano raccontati soltanto la rabbia di Dudley e, in parte, la visita allo zoo.

#2 La nuova stanza per Harry

Ebbene sì: dopo aver vissuto per quasi undici anni nel sottoscala della casa di Privet Drive, numero 4, zio Vernon e zia Petunia concedono ad Harry la seconda stanza di Dudley. Questo loro gesto di generosità, in realtà, è dovuto alla lettera di ammissione che Hogwarts ha mandato al giovane Harry

Sulla lettera, infatti, è riportato il luogo esatto in cui il giovane Mago vive: il sottoscala, appunto. Gli zii, spaventati dal fatto che qualcuno potesse spiarli, hanno così deciso di trasferirlo nella seconda stanza di Dudley, non senza le sue lamentele. Quest’evento è riportato soltanto all’interno del libro.

#3 Il primo incontro da Harry e Hagrid

Nel film Hagrid, il guardiacaccia di Hogwarts, scambia Harry con il cugino Dudley – che lo corregge, facendogli notare che lui non è Harry. Nel libro, al contrario, lo riconosce immediatamente: appena fa irruzione nell’abitazione sull’isola in cui Vernon si è rifugiato con la famiglia gli fa gli auguri per l’undicesimo compleanno e gli rivela di essere un Mago.

#4 Il primo incontro tra Harry e Draco

Il primo incontro tra Harry Potter e Draco Malfoy avviene, nel libro, a Diagon Alley, nel negozio di Madam Malkin; Harry, così come Draco, deve infatti acquistare un’uniforme adatta per poter frequentare la Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts.

Nel film, al contrario, i due s’incontrano per la prima volta ad Hogwarts, poco prima di essere Smistati nelle rispettive Case: stanno attendendo l’arrivo della professoressa McGonagall sulle scale. È lì che Draco rivolge la parola ad Harry per la prima volta, offrendogli la propria “amicizia” e denigrando Ron Weasley.

Foto di Troy Jarrell - Unsplash
Foto di Troy Jarrell – Unsplash

#5 L’acquisto della Bacchetta

Nel libro Hagrid segue Harry in tutti i suoi acquisti: in particolare, quando il giovane Mago si reca da Olivander per acquistare la sua Bacchetta è in compagnia da Hagrid. Nel film, al contrario, Hagrid non è con lui: mentre la bacchetta sta scegliendo Harry, infatti, va ad acquistargli una civetta – Evige -, che nel libro comprano insieme.

#6 Lo Smistamento

Nel libro la cerimonia dello Smistamento è raccontata meticolosamente: la Rowling ha narrato i più piccoli dettagli, riportando, ad esempio, la canzone cantata dal Cappello Parlante. I piccoli Maghi e le piccole Streghe vengono Smistati in ordine alfabetico e, alla fine, Albus Silente pronuncia un tanto memorabile quanto inusuale discorso.

Nel film, al contrario, i nuovi studenti vengono Smistati in ordine casuale e Silente non si diletta in alcun discorso di inaugurazione dell’anno scolastico, così come il Cappello Parlante non canta alcuna canzone.

#7 Peeves il Poltergeist

Nel libro vengono presentati numerosi fantasmi. Tra tutti, uno dei più fastidiosi e irriverenti è Peeves il Poltergeist, che si diverte a burlare gli studenti e gli insegnanti. Nell’adattamento cinematografico, tuttavia, non viene mai nominato né mostrato. Peeves, insomma, rimane confinato tra le pagine del primo volume della saga.

#8 Il Quidditch attraverso i secoli

Dopo essere stato nominato Cercatore della squadra di Quidditch di Grifondoro, Harry si precipita in biblioteca per cercare di apprendere il più possibile prima di giocare una vera partita.

Prende in prestito il volume “Il Quidditch attraverso i secoli” e lo porta con sé per leggerlo all’esterno della scuola. Il professor Piton, però, lo vede e sottrae cinque punti alla sua Casa. Questa scena non è riportata nella trasposizione cinematografica.

#9 La Nimbus 2000

Nel libro la professoressa McGonagall fa il possibile per nascondere il fatto che Harry sia il nuovo cercatore di Grifondoro, così come cercare di mantenere segreto il fatto che ha regalato al giovane Mago una nuova Nimbus 2000.

Nel film, invece, Harry riceve la scopa tramite un gufo e spacchetta il regalo insieme agli amici e ad altri membri della sua Casa.

#10 La punizione

Nevile Longbottom, il compagno Grifondoro di Harry, Ron ed Hermione, è stato costretto alla punizione soltanto nel libro. Mentre nel film Harry, Ron, Hermione e Draco sono gli unici a seguire Hagrid nella Foresta Proibita, a causa della punizione che devono scontare, nel romanzo, con loro, c’è anche Neville.

Nel libro, infatti, Harry ed Hermione hanno lasciato il Mantello dell’invisibilità nella Torre di Astronomia per mandare il drago Norbert a Charlie Weasley, in Romania. Argus Fitch li trova e, così, li denuncia. Al tempo stesso la professoressa McGonagall trova Neville fuori dal letto mentre cerca di mettere Harry in guardia da Draco.

Tutto questo nell’adattamento cinematografico non accade: è Draco che racconta alla professoressa McGonagall di aver visto Harry, Ron ed Hermione nella capanna di Hagrid di notte, procurando loro – e a sé stesso – la punizione.

Harry Potter e la Pietra Filosofale: differenze tra il libro e il film

Queste erano dieci delle tante differenze che intercorrono tra il primo film e il primo libro dell’amata saga di Harry Potter. Si tratta di differenze marginali in alcuni casi e più marcate in altri. Ciononostante, non sono da considerare come elementi che rendono il film meno piacevole il film rispetto al libro.

Al contrario, sono scelte che il regista e J. K. Rowling hanno dovuto fare per renderlo il più interessante possibile: se avessero mantenuto una corrispondenza “uno a uno” tra il romanzo e il suo adattamento cinematografico avrebbero conferito a quest’ultimo un ritmo troppo lento, rendendolo a tratti noioso.

Così facendo, invece, hanno rappresentato le medesime vicende ignorando gli elementi superflui e adattando la storia in modo che non si creassero buchi di trama. Non esiste un “vincitore” tra il volume e il film; sono due mezzi d’espressione completamente differenti ma complementari: leggere il libro e guardare il film è il modo migliore per entrare al 100% nell’universo di Harry Potter.