Cos’è la PEC?

Di recente hai sentito parlare di PEC, ma non hai capito molto bene cosa sia né, tantomeno, per cosa venga usata? Non preoccuparti: è una tecnologia che non è molto diffusa nel mondo consumer, perciò difficilmente la userai al di fuori di ambiti aziendali. Ecco, quindi, cos’è la PEC e a cosa serve.

La PEC, infatti, è la cosiddetta Posta Elettronica Certificata. In altre parole, è una categoria di posta elettronica che, oltre alle classiche funzioni delle email, dà un valore legale al messaggio, permettendo quindi di usarlo alla pari di una raccomandata con avviso di ricevimento.

Proprio per questo motivo, quindi, la PEC è sfruttata principalmente a livello aziendale e professionale: gli utenti comuni non hanno bisogno di certificare e tracciare i loro messaggi – anche perché ha un costo.

Come funziona la PEC?

Come ti stavo dicendo, la posta elettronica, per essere di tipo PEC, deve essere certificata. Questo, quindi, comporta la necessità della presenza di un ente autorizzato che attesti ogni messaggio inviato.

I gestori autorizzati devono essere registrati all’Agenzia per l’Italia digitale (AgID), che si occupa dell’innovazione tecnologia italiana. Insomma, in altre parole non puoi auto-certificarti, ma devi per forza appoggiarti ad un’organizzazione esterna.

Per garantire tutte le caratteristiche di cui ti ho parlato poco fa, la PEC introduce delle modifiche rispetto alla classica posta elettronica a cui sei abituato:

  • Avendo lo stesso valore legale di una raccomandata con ricevuta di ritorno, attesta l’orario esatto della spedizione;
  • Adotta degli standard di sicurezza elevati, implementati tramite diversi protocolli, che garantiscono la certezza del contenuto: una volta inviata, non puoi più né modificare il messaggio né eventuali allegati. Ogni messaggio, perciò, include una firma che lo autentica e che ne prova la paternità.

In aggiunta, inoltre, ti viene rilasciata una ricevuta: ora la posta è stata realmente “certificata”. Non solo: la società che gestisce la casella PEC del tuo destinatario ti manderà, appena possibile, la ricevuta della consegna.

Come puoi vedere, quindi, ti vengono recapitate due ricevute per ogni messaggio che invii: una per la spedizione e una per la consegna.

Cosa cambia, nell’utilizzo, tra una PEC e una normale email?

Questa è un’ottima domanda, che in tanti, proprio come te, si pongono. All’atto pratico, comunque, non cambia assolutamente niente: dopo che hai eseguito l’accesso tramite le tue credenziali puoi usarla come una normalissima casella di posta elettronica.

Le differenze, infatti, sono tutte nel meccanismo che permette alla PEC di funzionare e di attribuire valore legale ai messaggi che invii e che ricevi da altre PEC.

Quali vantaggi ha una PEC?

Una Posta Elettronica Certificata ti permette di accedere a numerosi vantaggi, che derivano proprio dal fatto che è “certificata”:

  • Puoi inviare qualsiasi documento in qualsiasi formato;
  • Non hai bisogno di software speciali né, tantomeno, di conoscenze particolari: funziona proprio come una comune casella di posta elettronica;
  • Hai la garanzia dell’invio e della recapitazione del messaggio – con valenza legale;
  • Il gestore della tua casella PEC conserva per trenta mesi tutte le ricevute: se, per errore, dovessi perderne una, puoi chiedergli di inviartela nuovamente.

Quali svantaggi ha una PEC?

Una PEC, sfortunatamente, ha anche qualche svantaggio. In realtà, non sono svantaggi dovuti al suo funzionamento o a quello che può fare, ma alle sue caratteristiche tecniche – di cui, comunque, non sei interessato se devi soltanto utilizzarla.

  • La tecnologia PEC non è riconosciuta come uno standard internazionale: in altre parole, non è disponibile in tutti i Paesi e non si basa su una suite di protocolli ben definita e unificata a livello globale;
  • Ha valore legale solo se invii il tuo messaggio ad un altra PEC – e non ad una casella normale. Per questo motivo, devi prestare molta attenzione al destinatario a cui invii  la mail: se ti sbagli, perde la sua valenza legale;
  • Non è necessariamente sicura: la PEC, come ti ho detto, si basa su tecnologie estremamente sicure, tuttavia moltissimi utenti accedono alla loro casella dal loro computer senza prestare particolare attenzione, esponendola perciò ai malware.